Le poesie – The poems

POESIE IN LINGUA NAPOLETANA DI CARMEN AULETTA, MARGYE RIBA IN SECOND LIFE E OPENSIM

‘O PPARLA’  NAPULITANO

(abbinamento: settimana dal 22 al 25 Settembre 2011)

6 ARTISTI:

Faciteme parlà napulitano,
n’aggio bisogno proprio stammattina,
vaco scrivenno sempre in italiano,
cercanno na parola fina fina.

Dich’io: ma tengo sta bella parlata
e ll’italiano a me nun m’accuntenta,
‘a verità, me songo annammurata
‘e chesta lengua chiena ‘e sentimento.

V”o vvoglio dicere che a me, me piace,
sulo accusi dico chello ca sento
e scrivo mentre ‘ o core trova pace
sentennese leggiero p’ ‘o mumento.

Carmen Aueltta

TRANSLATION BY TEACHER JESSICA OTHEY

On speaking in dialect

Let me say it the Naples way…
This morning, I woke up, thinking how
speaking Italian everyday
I miss my point somehow…

I tell you, I have words so above
Italian only lets me down
Truth is, I am in love
with these feelings, this sound.

I insist that it pleases me more so —
it alone can express what’s inside,
And as I write my heart is aglow,
For a moment I’m free, alight.

___________________________________

‘A MASCHERA

(abbinamento: settimana dal 29 Settembre al 2 Ottobre 2011)

6 ARTISTI:
Oggi me sento proprio ‘na munnezza,
vulesse almeno fà quaccosa ‘e bbuono,
però si ‘o ffaccio vene na schifezza
e me rummane sempe nu magone.

Vulesse stà nu poco cchiù cuntenta
ma faccio sulo finta ca sto’ bbona
cercanno ‘e fà felice ‘a tutte quante,
dico ‘e bbuscìe e nisciuno se n’addona.

E mò capisco pecchè ‘o clown se mette
‘a faccia bianca ‘e gesso e fa ‘o pagliaccio
ma tene ‘na tristezza ca ‘o fa a fette
e ‘ncuorpo chiagne e ‘a fora pare ‘e ghiaccio.
Carmen Auletta

TRANSLATION BY TEACHER JESSICA OTHEY

The mask

Today I am just picking up dust.
O, to do even a bit of good! but
Everything I try turns to rust —
And a pit remains in my gut.

If only I could be of higher cheer!
Instead, I pretend I’m fine,
I try to make happy all far and near —
And no one can tell when I lie.

Now I understand why the clown goes
With painted face and smile all nice,
Even though he’s sad, from his neck to toes —
And inside he cries — just the outside is ice.

______________________________________

CHE BELLA JURNATA!!!

(abbinamento: settimana dal 6 al 9 Ottobre 2011)

6 ARTISTI

Jeee…che bella jurnata
Me diceno: pecchè non scrivi na cosa allera?
V’ ‘o ddico, ogge , si ‘o ffaccio, nun so’ sincera.
Che v’aggio a dicere? Ca tengo genio e alluccà,
ca cu qualcuno mò, me vulesse appiccecà?

Tengo n’arraggia ‘ncuorpe e nun’o ssaccio,
nun me chiedete ‘pecchè io ‘o ffaccio.
Forse ce l’aggio cu tutti e cu nisciuno,
tengo sulo ‘o desiderio ‘e vattere a qualcuno.

Ma pecche? Niente, pe m’arricurdà ca io esisto,
e si stu qualcuno fosse pure nu poco nsisto,
pe me fosse ‘a scusa bona pe ce fà na paliata
accussì doppo me sento felice ‘e sta sfugata!

‘Ncoppa a sta tela sto cercanno e pittà,
ma nun pozzo sta all’erta e m’aggio assettà.
Ma comme nun me po’ venì sta nervatura
si ogni vvota ca dipingo è na congiura!!

Eh si, né all’erta e né assettata pozzo stà,
ma finalmente aggio capito comm’aggio a fà.
Piccerillo piccerillo m’aggio fatt’o o cavalletto
pe me mettere a pittà stesa dint’o lietto.

Ma ‘o vvulite sapè chello che è succieso
proprio mentre stev’a pittà distesa?
S’è scunucchiato sotto ‘o cavalletto
e m’ha spurcato ‘e llenzola dint’ ‘o lietto!

Aggio ditto: Basta! A pittà oggi nun’è ccosa!
E’ ‘o mumento ‘e me mettere a fà n’ata cosa!
Accussì, m’aggio mise’ a tastiera ncopp’ ‘o pietto
pe putè scrivere meglio stesa dint’o lietto.

Embè…ve pareva ca nun me succedeva
che ‘a copp’ ‘o lietto stu portatile nun cadeva?
Je che bella jurnata pe me s’è schiarata!!
Nun me dicite ca nun aggio a  sta arraggiata!

E mò, vulesse almeno na ciucculata pe me cunzulà,
e invece , stongo a dieta e nun pozzo mangià!
E’ meglio ca levo’a miezzo stu pittà e sta tastiera
e, al diavolo la dieta, mò m’ha mangio sta pastiera!
Carmen Auletta

_______________________________________________

FACIMMO PACE

(abbinamento: settimana dal 13 al 16 Ottobre 2011)

6 ARTISTI

Sapevo ch’ero pe’ te trasparente,
pure ‘o saluto mò tu m’he levato
‘e ccose faccio comme fosse niente
ma nun me trovo a te vedè ‘ngrifato.

Diceme tu, c’aggio a fà, pe’ fa’ pace,
‘e scuse nun te songono servute,
nun t’he vuluto ancora fa’ capace,
chiù so’ sincera e chiù nun m’he creduto.

Stanotte nun me songo arrepusata,
si pure nu poco ‘e suonno me faccio,
me sonno ‘e sta’ cu te sempe abbracciata,
ma nun ce sta calore int’a sti braccie.

Manco cu sta poesia tu t’arrienne,
me pare ch’è na bella serenata,
e  dimme a quale scusa mò  t’appienne
pe’ sta’ cu mme ancora ‘ntussecato.
Carmen Auletta

_______________________________

LUNA JANCA

(abbinamento: settimana dal 20 al 23 Ottobre 2011)

6 ARTISTI
Jesce fora luna janca
fa vedè ca si lucente,
nun me dicere “so’ stanca”
ca tu sierve a stu mumento.

Vavattenne luna nera,
nun vai bbona pe’ dduje core
ca se ‘ncontrano stasera
pe’ cunoscere ll’ammore.

E se sente  ‘ncopp’ ‘a pelle
‘o profumo ‘e chist’ardore,
fanno festa pur’ ‘e stelle
ca pruteggiono ll’ammore.

Luna janca addò si ghiuta,
pur’ ‘o Sole sta dicenno
‘e nun perdere  ‘e minute
ca sti dduje vanno sperenno.

Trasetenne Luna Nera,
nun te vonno int’ ‘a sta festa,
si rummane ccà stasera,
tutt’ ’o Cielo te prutesta.

Carmen Auletta

______________________________

‘NA PAROLA

(abbinamento: settimana dal 27 al 30 Ottobre 2011)

6 ARTISTI

E ancora chiove , chiove tutte ‘e juorne,
stu cielo è niro e pure  ll’aria  manca.
Nun me rassegno ca tu chiù nun tuorne
e  tengo nu dulore ca me sfianca.

Vulesse mò na cosa sulamente,
nu squillo ‘e campaniello fora ‘a porta,
me serve p’allevià chistu mumento,
ch’è nu supplizio ca nun se supporta.

Tutt’è pparole ca nun t’aggio ditto
l’aggio astipate cu nu catenaccio,
e nu tesoro ncoppa ‘a  mappa scritto
tenevo dint’ ‘o core sotto ‘o ghiaccio.

E mò che me ne faccio ‘ e stu tesoro,

si po’ ll’ammore mio nun l’ha saputo.
Stu bbene che valeva chiù  dell’oro,
l’aggio capito mò ca se n’è ghiuto.
Carmen Auletta

________________________________

‘O LAMIENTO D’ ‘A MARGHERITA

(abbinamento: settimana dal 3 al 6 Novembre 2011)

6 ARTISTI:
STEPHEN VENKMAN

Songo ‘ nu fiore semplice e gentile
e sempe tu cu mme t’ ‘a vuò piglià.
‘O cunusciste ch’era ‘o mese ‘e aprile,
dicive che l’avive conquistà.

Te l’aggio ditto d’ ‘o primmo mumento:
“Cu chillo si’ sedotta e abbandunata”,
ma a sti pparole tu nun ire attenta
e mmò te siente afflitta e disperata.

Mo tu ce ll’hai cu mme e je nun capisco
ca tutt’ ‘e juorne staje a me ‘nterrogà.
Si t’ama o si nun t’ama, t’ obbedisco,
e ‘a vita mia tu vuò sacrificà!
Carmen Auletta

__________________________________

‘O PROFUMO ‘E LL’AMMORE
(abbinamento: settimana dal 10 al 13 Novembre 2011)

6 ARTISTI
Se sente ll’aria ca parla ‘e ll’estate,
s’è spase addora d’ ‘a frutta ammatura,
sott’ ‘a stu sole, ‘o grano s’è ddurato
cu’ ‘o giallo  fatto  ‘ e mille sfumature.

E tornano ‘e ppalomme ‘ ‘ncopp’ ‘e sciure,
svulàzzano sott’ ‘o cielo turchese,
arrecrejanno  ‘a tutte ‘sti criature
ca stesseno dint’a ll’aria suspese.

Tutt’ ‘e culure d’ ‘ e sciure eleganti
me parlano d’ ‘o prufume ‘e ll’ammore.
Dint’ ‘a chest’aria ‘e musica danzante
te penzo sott’ ‘a pianta int’ ‘a cuntrora.
Carmen Auletta

________________________________

Carmen scrive:

La mia poesia ‘NCOPP’ ‘O SCOGLIO è stata letta all’Assemblea delle Nazioni Unite a New York, è stata tradotta in italiano e poi in inglese. Il Direttore della rivista Report European News, Domenico Di Conza, che tempo fa mi scrisse un doppio articolo in italiano e in inglese, è rappresentante e portavoce del progetto PEGASO ONLUS al Parlamento Europeo. Stavolta era  a New York , all’ONU, per parlare di Arte e Cultura .

‘NCOPP’  ‘O SCOGLIO
(abbinamento: settimana dal 17 al 20 Novembre 2011)

6 ARTISTI

SHELLINA WINKLER
Che strana cosa ch’ è sta pecundrìa
‘o core int’ ‘a na roccia ‘mpriggiunato,
cerca ‘e se libberà ‘e sta malatia,
ma nun ‘a tene ‘a forza , è scunsulato.

‘Ncopp’ a stu scoglio va sbattenno ll’onna
ca vene a se ‘mbruglia’ comme ‘e penziere,
sta scumma janca ll’anema me ‘nfonne,
me parla comme fa na cunsigliera.

E m’accumpagna chesta voce ‘e mare
ca chianu chianu ‘a capa m’ha acquitato,
facennome scurda’ tutto ll’amaro
ca dint’ ‘o core mio steva astipato.
Carmen Auletta

________________________________

‘A FANTASIA PITTATA
(abbinamento: settimana dal 24 al 27 Novembre 2011)

6 ARTISTI

Nun saccio si è cumparzo pe maggìa,
si nzuonno quacche vvota ce so’ stato,
o si tenenno mente a na fotocrafìa,
cert’è stu pizzo ‘un l’aggio cchiù scurdato.

Nce stanno lloco, oi né, na casarella,
quase azzeccata a na chiesella rosa
c’ ‘o mare annanze addó na varchetella,
menata ‘ncopp’â rena, s’arreposa.

Po’ na matina, quanno me scetaje,
stunata ancora ‘e chesta fantasìa,
nu fatto strano, sié, me capitaje,
venette a sti pennielle ‘a frennesìa.

‘A tavulozza ‘mmano se mettette,
sciglienno quase ‘a sola ogne culore,
e nun te saccio dì chi me mpunette

‘e fà ‘ntrasatta ll’arte d’ ‘o pittore.

‘A tela steva tèseca e felice,
tutta pittata mo’ ch’era vestuta,
ma po’, vulette  pure na curnice
comme cullana all’opera fernuta.

Carmen Auletta

______________________________

‘A NAVA

(abbinamento: settimana dal 1 al 4 Dicembre 2011)

6 ARTISTI

SIMOTRON AQUILA

Nu viaggio immaginario int’ a sta nava
p’alleggerì  nu poco ‘a capa  mia,
addò se viaggia tanto e nun se pava,
me faccio pe’ sta sola e ‘ncumpagnia.

Ah…come vola chesta cerevella,
nun sape ch’ ato chiù s’ha dda ‘nventà,
se fa nu viaggio int’ a na nava bella,
e a stu timone se vo’ fa  guidà.

Non saccio ancora addò  me purtarraje
e spero tanto ca pe’ chesta via,
nu poco ‘e  cuntentezza me darraje
ch’è cumplicata assaje sta vita mia.
Carmen Auletta

__________________________________

COSE NOVE
(abbinamento: settimana dal 8 al 11  Dicembre 2011)

6 ARTISTI

AEQUITAS (BANRION CANSTANTINE E SOWA MAI)

Ll’uocchie poso ‘ncopp’ a sta rena ‘nfosa,
me ‘ncanta ‘o mare ca  sempe va e vene,
trasporta cose scavanno pertose
pure a stu core ca nun po’ fa bene.

E comme a ll’onna ca s’aggrappa  ‘a rena
e vene  trascinata ancora a  mare,
songh’io ca  ‘ncatenata a chesta pena ,
cerco ‘e truvà penzieri  meno amari.

So’ ccose nove ca contano ll’onne,
‘o mare ‘e ddice doppo na tempesta,
ca mò sereno  me sceta a stu suonno
purtanneme nu poco d’aria ‘e festa.
Carmen Auletta

______________________________________

A’ MANA SCELLERATA

(abbinamento: settimana dal 15 al 18 Dicembre 2011)

Comme nu quadro  è stata ‘a vita mia,
cu ‘e meglio culure  ll’aggio pittata,
tutte ‘e mumente belle ‘e chesta via,
ll’aggio stampate cu na pennellata.

E tutte ‘e juorne io stevo a me ‘ncantà,
che ‘a pennellata era sempe chiù fina,
p’ogne occasione vulevo pittà,
accumincianno  già a primma matina.

“Ma comm’è bello” me diceva ‘a gente,
“stu quadro è fatto cu tanta finezza,
è comme ‘a vita toja precisamente,
n’opera d’arte pe’ tanta bellezza.

E ancora, ammore mio, m’addumanno,
pecchè sta mana toja scellerata,
ha fatto a chistu quadro tantu danno,
na vita sana tu m’he rruvinata!
Carmen Auletta

__________________________________

AMMORE ‘E PISCATORE
(abbinamento: settimana dal 22 al 25 Dicembre 2011)

S’affaccia Carmenella a lla fenesta,
lle sbatte ‘o core pe ‘nu piscatore
ch’ ‘e pisce porta dint’ ‘a na canesta,
smaniuso d’ ‘a vedè ammacaro n’ora.

Cu’ ‘o mare dint’a ll’uocchie e ‘ncopp’ ‘a pella,
sturduto ‘e chist’ammore appassiunato,
‘o piscatore aspetta a Carmenella,
p’ ‘o desiderio ‘e i’ ‘a ll’onne cunnuliato.

Nu ventariello porta addore ‘e mare,
se ‘ncanta pe st’ammore ch’è sincero.
Luntano na canzona ‘e marenare
ê nnammurate ‘ntona nu penziero.

E chiano sciulia ‘a connola d’ammore,
vucanno doce doce ‘ncopp’a ll’onne,
s’addormono astrignute core a core,
speranno ‘e se ‘ncuntrà pure ’int’ê suonne.

Carmen Auletta

______________________________________

SONGO ‘NA BAMBOLA
(abbinamento: settimana dal 5 al 8 Gennaio 2012)

Diceva sempe  ‘a mamma a chella figlia:
“Si t’accuntiente  d’ ‘o primmo ca vene,
nun t’ha dda fa nemmeno meraviglia
si po’ spusata, cchiù  nun te sta bbene”.

“Si’ bella, tieni ‘a faccia ‘e bambulella,
e ll’omme ricco  te vò conquistà,
pirciò mitte ‘nfunzione ‘a cerevella
e vvide comme ne può approfittà”.

‘A figlia ca teneva ‘a stessa capa,
diceva: “Songo na pupella rara,
appena arriva‘o primmo turzo ‘e rapa,
voglio sapè  si  bbuono sta a ddenare”.

‘A bambola tene ll’uocche e  nun vede
‘o fuosso addò p’  ‘e sorde è sprufunnata,
‘ngannata d’ ‘e ricchezze ‘e chi ‘e pussiede,
se venne e pure ll’anema ha dannata.

Carmen Auletta

_______________________________

‘O VICOLO

(abbinamento: settimana dal 12 al 15 Gennaio 2012)

E’ cchiù fort’ ‘e me nun ce riesco
me se stregn’ ‘o core accussì vedenne,
songo strana forse ma nun gioisco,
veco stu vicolo ca sta suffrenne.
Quann’ero piccerella m’arricordo,
chillu vicolo era ‘a casa mia,
pazziavo in comune accordo
cu tutt’ ‘e criature ‘e chella via.
Si ce passe me piglia ‘nu magone,
addò sta cchiù chella atmosfera,
quanno nun ce mancava l’occasione
pe pazzià e pe sta semp’allera.
E vvote io passo pe chela via,
prime ce steva sempe ‘na festa
mo’ c’ ‘a veco, me viene ‘a malincunia,
sta sul’ ‘o core mio ca protesta.

Carmen Auletta

TRANSLATION BY TEACHER JESSICA OTHEY

THE ALLEY
I can’t help it, I can’t do a thing
To see this place makes my heart wring
Maybe I’m strange, but I can’t be glad
Seeing this alley makes me sad

And that alley, I recall
It was my home when I was small
I played in peace and harmony
With all the other kids like me

I get a lump in my throat, if I go there now,
right where there’s still that great atmosphere
when we never missed a chance
to have some games and fun

And sometimes I’ll wander down that street
And think of the follks that I used to meet
And it makes me feel blue, when I see
What runs through my head and my memory

______________________________

SIENTE A ME

(abbinamento: settimana dal 19 al 22 Gennaio 2012)

6 ARTISTI

E’ verità, se sape ch’è accussì,
nun ce vulevo credere ma è overo,
amica mia, te tocca mò ‘e suffrì.
Chi t’ ‘o ddiceva, nun ‘ era severo.

Quann’ ‘o tenive sempe ‘ncopp’ ‘e spine,
ca nun sapeva maje si tu ll’amavi,
cercava ‘e te truvà tutt’ ‘e matine
‘mmiezz’ ‘e llenzola ca tu prufumavi.

E siente ca te dico, amica mia,
è meglio si te faje desiderà.
Nun ce penzà, fujetenne a chesta via,
e vvide comme vene a te cercà.

Carmen Auletta

TRANSLATION BY TEACHER JESSICA OTHEY

HEAR WHAT I SAY
It’s true, we all know it’s this way
I didn’t want to believe it, but it’s so
Girlfriend, you were bound to pay
I warned you, but it could be worse, you know.

When he kept you on tenterhooks, my dear
The fact that you loved him, he had no idea
Each morning he searched you out, in your room
Between the sheets that carried your  perfume

So, my friend, hear what I say
Play hard to get – now that’s the way
Forget him, take a different tack
You’ll soon see he’ll come running back

____________________________________

TENGO ‘NU GATTO

(abbinamento: settimana dal 19 al 22 Gennaio 2012)

6 ARTISTI

Tengo nu gatto tutto speciale,
nun’o vulevo ve lo confesso,
ora capisco quand’è carnale
e quanto bene gli voglio adesso.

Me facette pietà quann’o vediette,
tremolante e muort’e famme ,
m’o scarfaje, nzino’e ‘mpietto
e pensaje ‘e ce fà da mamma!

Quando me guarda cu chella faccia
ca sta nervuso e tutto stuorto,
nun resisto, mo piglio ‘mbraccia
e fa fint ca iss’è muorto.

Ve dico ca nun’aggio mai visto
nu gatto accussì ‘ntelligente.
‘O ssapite ca ‘ è proprio ‘nsisto
e ssape leggere int’a mente?

Capitaje nu bellu juorno
ca me pigliaje ‘a nervatura,
‘o gatto se guardaje attuorno
e facetta la bravura.

Vedette na mucella
dal balcone dirimpetto
ca facev’a a sciumulella
e miagolava per dispetto.

‘O gatto me guardaje’a sott’e scelle,
dint’o pensiero me liggette:
‘o ssaje ca me piace ‘a guagliuncella,
proprio questo me dicette.

Oramai avevo gia capito
che chella cummarella
lo aveva proprio scimunito
cu chella faccia’e munecacella.

E’ inutile ca io mò m’ ‘o chiagne,
pure si tengo nu dolore ‘mpietto,
penso che se l’aveva fa na cumpagna
e mò … aspetto sulo ‘e cunfiette.

Annunci

Informazioni su roxelo

Adoro Internet, il web 2.0 mi è del tutto congeniale, mi piace bloggare, mi piacciono le comunità virtuali. Per un lungo periodo ho frequentato i mondi sintetici (Second Life e Opensim) dove ho realizzato il sogno di un museo virtuale: il Museo del Metaverso. Credo che il web 2.0 sia un modo di comunicare e fare circolare le informazioni molto consono alla contemporaneità. La mia vita reale, dopo il pensionamento, è totalmente nelle mie mani, con l' utilizzo del mio tempo libero nella direzione dei miei molteplici interessi e della mia più cogente necessità: quella della leggerezza e della lievità.
Questa voce è stata pubblicata in poesia, poesia napoletana e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...